RILASCIATO ORBITER 2016!!! CLICCA QUI PER SCARICARLO
 
IndiceIndice  FAQFAQ  LinkLink  CercaCerca  RegistrarsiRegistrarsi  Accedi  
Accedi
Nome utente:
Password:
Connessione automatica: 
:: Recuperare la parola d'ordine
FOI sui social networks
Argomenti simili
Siti Amici
Astronautica Ultima Speranza

AstronautiNEWS

Orbiter Forum

Tuttovola.org

Contatore Visite
Ultimi argomenti
» salve
Da Ripley Ven 28 Apr 2017 - 7:46

» Sviluppo di una base italiana - Sede ASVI
Da Dany Gio 27 Apr 2017 - 14:31

» Cassini inizia l'ultimo anno della sua missione
Da Pete Conrad Mer 26 Apr 2017 - 8:36

» Lagrange MFD
Da Ripley Lun 24 Apr 2017 - 20:04

» Orbits - visualizzazione grafica di orbite e parametri
Da Ripley Gio 20 Apr 2017 - 12:39

» Ciao a tutti arrivo da Facebook
Da Claudio Riccobene Ven 14 Apr 2017 - 1:09

» Delphinus
Da Pete Conrad Dom 9 Apr 2017 - 22:21

» D3D9Client - il client grafico di Jarmonik
Da Ripley Gio 6 Apr 2017 - 12:12

» X-Plane 11
Da fred18 Lun 3 Apr 2017 - 10:56

» Plugin per Space Network
Da fred18 Lun 3 Apr 2017 - 10:53

» spazioplano futuristico?
Da fred18 Dom 26 Mar 2017 - 0:34

» LOGAN STREAMING FILM ITALIANO 2017
Da Pete Conrad Sab 11 Mar 2017 - 19:37

» trasformare carichi dgiv
Da Jim lovell Gio 2 Mar 2017 - 11:56

» Dropbox abbandona il supporto alla cartella Public
Da marcogavazzeni Gio 2 Mar 2017 - 11:01

» Excel: dimensioni, capacità, massa di un serbatoio sferico
Da Ripley Gio 2 Mar 2017 - 0:53

» "Starlab" space station
Da Andrew Mar 28 Feb 2017 - 23:04

» Dyna-Soar declassificato!
Da Andrew Dom 29 Gen 2017 - 12:14

» Apollo 1: cinquant’anni fa, la prima tragedia spaziale americana
Da Ripley Ven 27 Gen 2017 - 14:46

» Informazione su Pad24_UR500_O2016_v2
Da Ash Mar 24 Gen 2017 - 22:47

» Happy birthday, mr. Aldrin!
Da Pete Conrad Ven 20 Gen 2017 - 12:00


Condividere | 
 

 Configurazione in stile TKS / Gemini MOL

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Almaz
Turista Spaziale
Turista Spaziale


Numero di messaggi : 4
Località : Foggia
Data d'iscrizione : 23.10.16

MessaggioOggetto: Configurazione in stile TKS / Gemini MOL   Mar 22 Nov 2016 - 20:13

Buonasera a tutti,

Vi propongo una domanda meramente tecnica su cui ho trovato poco materiale in giro, forse a causa della banalità della questione, non so..

Come è facile intuire dal mio nick trovo le configurazioni della TKS (Navicella VA + Modulo FGB) sovietica e della Gemini B + MOL (Gemini opportunamente modificata + Manned Orbiting Laboratory) americana molto affascinanti, ma altrettanto razionali, in quanto permettono di portare in orbita contemporaneamente con un solo lancio

  • il modulo di comando
  • un modulo abitabile di dimensioni importanti (45 m3 di volume abitabile nella TKS contro i soli 9 m3 della soyuz comprensiva di modulo orbitale - fonte wiki)


con i vantaggi di

  • non dover effettuare rocambolesche operazioni di docking in orbita (in stile LEM + modulo di comando Apollo, per intenderci), grazie ad un tunnel d'accesso che li collega sin dalla configurazione di lancio ed un portello situato direttamente sullo scudo termico;
  • poter svincolare il modulo abitativo orbitale da un eventuale Launch Escape System, in modo da allontanare la sola capsula di rientro con l'equipaggio dal razzo vettore in caso di failure al decollo e non sovradimensionare così il suddetto sistema di emergenza.


Aimè, nessuna di queste navicelle ha mai volato con equipaggio a bordo, ne queste configurazioni hanno avuto una qualche diffusione nei progetti odierni, che io sappia...  anzi sarei felicissimo di essere smentito in love .


Vi chiedo: come mai? 
Ho cercato di farmi un'idea sulle motivazioni e, a mio modesto ed ignorante parere, possono essere solo due:


  1. Non vi è più interesse in profili di missione di questo tipo, data la permanenza in orbita di strutture come la ISS in grado di garantire sufficiente spazio abitabile per lunghe permanenze e la fine della Guerra Fredda (a questo punto vorrei sapere se, secondo voi, non sia un escamotage economicamente allettante per le future compagnie di turismo spaziale private o per profili di missione di lunga durata lontano dall'orbita terrestre);
  2. L'apertura di un portello attraverso uno scudo termico di tipo ablativo comporta rischi maggiori durante il rientro. Questa è più che altro una domanda: sono a conoscenza, leggendo qua e là, di un presunta accesa discussione avvenuta tra il team di Korolev, restio a violare l'integrità dello scudo termico, ed il gruppo di ingegneri fedeli a Chelomei, ideatori della TKS e sostenitori di una tale configurazione forti dei vantaggi di cui sopra. 


  • PS: specifico ablativo perchè la TPS dello Space Shuttle ad assorbimento termico presenta numerose aperture sullo scafo e non mi risulta ci siano mai stati problemi legati a questa cosa... sarà per via della prevista possibilità di rientro esclusivamente da LEO..?


Voi cosa ne pensate a riguardo?
Grazie Smile
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Pete Conrad
Add-on Developer
Add-on Developer
avatar

Numero di messaggi : 4590
Età : 53
Località : Trieste
Data d'iscrizione : 05.01.10

MessaggioOggetto: Re: Configurazione in stile TKS / Gemini MOL   Mer 23 Nov 2016 - 12:04

Ti rispondo al volo per quanto riguarda il Gemini-MOL. Il progetto nacque quando ancora non c'era la diffusione attuale di satelliti da osservazione, e sarebbe servito per osservare gli allora "nemici" russi. Nel periodo di tempo necessario allo sviluppo del MOL lo sviluppo dei satelliti da osservazione rese molto meno costoso e più facilmente accessibile lanciare un satellite anziché mandare un orbita un complesso Gemini-MOL.

Per quanto riguarda gli scudi termici ciò che conta effettivamente è come dici tu, la velocità di rientro che per orbite LEO è nettamente più bassa che quella dal rientro dallo spazio profondo. Non è però per questa motivazione che lo scudo termico ablativo è di forma integra mentre quello dello Shuttle era a mattonelle. Qui conta il differente profilo di rientro, uno di tipo balistico o semibalistico (capsule), l'altro un rientro a discesa controllata in planata (Shuttle) con variazioni dell'angolo di incidenza che ti permettevano di scaricare parte del calore prima da una parte e poi dall'altra.

EDIT: Riguardo al secondo punto mi è venuto in mente che, ad esempio, parte della protezione termica della nuova Orion (se mai verrà realizzata) dovrebbe essere appunto a mattonelle come lo Shuttle, pure essendo una capsula con capacità di rientro di tipo balistico o semibalistico.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Almaz
Turista Spaziale
Turista Spaziale


Numero di messaggi : 4
Località : Foggia
Data d'iscrizione : 23.10.16

MessaggioOggetto: Re: Configurazione in stile TKS / Gemini MOL   Gio 24 Nov 2016 - 13:10

Ciao Pete

Risposta mooolto esaustiva, grazie infinite!  rolleyes
Beh d'altronde la scelta di uno scudo termico "modulare" e almeno in parte riutilizzabile come quello dello space shuttle (a parte la ovvia necessità di disporre dei gap termici in scudi ad assorbimento di calore)  è stata in qualche modo anche una scelta obbligata, dettata dalle dimensioni importanti della navicella.. Cioè cambiare qualche mattonella è una cosa, ripristinare l'intera pancia dell'orbiter con del materiale ablativo ad ogni rientro è tutta un'altra storia, immagino..

Leggendo tra le righe della tua risposta, correggimi se sbaglio, mi è parso di capire due cose molto interessanti:

1) le paure di Kolorev erano infondate: non vi è nessun problema nel ricavare un portello direttamente sullo scudo termico 

2) se la Orion sarà realizzata con scudi ad assorbimento termico modulari, significa che è possibile utilizzare questi sistemi di protezione anche su navicelle in rientro da orbite lunari e/o dallo spazio profondo

Sto dicendo fandonie?
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Pete Conrad
Add-on Developer
Add-on Developer
avatar

Numero di messaggi : 4590
Età : 53
Località : Trieste
Data d'iscrizione : 05.01.10

MessaggioOggetto: Re: Configurazione in stile TKS / Gemini MOL   Ven 25 Nov 2016 - 17:26

Una piccola precisazione riguardo le mattonelle dello Shuttle: cambiate sicuramente poche, controllate (smontandole e rimontandole) una per una dopo ogni rientro invece sì, ed infatti questo ha fatto lievitare i costi dei lanci Shuttle in maniera abnorme.
Riguardo le tue due domande

1. non sono in grado di dire (non sono un tecnico, sono un appassionato di storia dell'astronautica) se Korolev potesse essere in errore nell'aver paura con uno scudo termico "bucato", certo è che l'originale progetto americano "Big Gemini" prevedeva proprio un hatch posteriore nello scudo termico:





2. lo scudo termico della Orion è di tipo classico ablativo a blocco unico


solo le protezioni laterali (quelle nelle quali il plasma del rientro arriva indirettamente di rimbalzo) sono a mattonelle tipo quelle dello Shuttle. Ciò per permette (da progetto originale, bisognerà vedere se sarà attuato) la riusabilità della capsula.


P.S. Mi chiamo Vittorio, "Pete" è solo il nickname mutuato da un grande dell'astronautica.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Andrew
Add-on Developer
Add-on Developer
avatar

Numero di messaggi : 5955
Età : 39
Località : Pavia/Torino
Data d'iscrizione : 03.12.09

MessaggioOggetto: Re: Configurazione in stile TKS / Gemini MOL   Ven 25 Nov 2016 - 19:02

In parte mi ha anticipato Vittorio, ma rispondo anche io:

1) non ci sono problemi di sorta ad aprire portelli nello scudo termico, perlomeno di un veicolo che deve sopportare "solo" le temperature di rientro dalla LEO.
Pure lo Shuttle li aveva: i portelli dei carrelli e degli attacchi all'external tank.
Se isoli bene quegli elementi, si può fare tranquillamente senza rischi aggiuntivi.
Peraltro mi sembra di ricordare che la Gemini-B provata in volo col mock-up del MOL ebbe proprio lo scudo termico col portello e non ebbe problemi al rientro, seppur solo da una traiettoria suborbitale.

2) Orion avrà le "mattonelle" nella parte superiore, conica. Lo scudo termico principale, sul "fondo" della capsula, che è quello che deve sopportare la stragrande maggioranza del calore, è invece monoblocco e ablativo e andrà buttato via dopo ogni rientro. Del resto dopo le ultime review progettuali, la Orion, da capsula riutilizzabile 10 volte (se ben ricordo) è diventata praticamente una capsula usa e getta come l'Apollo. Recupereranno l'hardware interno, credo le mattonelle laterali e butteranno tutto il resto dopo ogni volo.

Pare che stiano spingendo sugli elementi riutilizzabili per la capsula Dragon (versione 2), ma io non sono un fanboy di spacex (tutt'altro ;-) quindi prima la voglio vedere volare e poi ne riparliamo
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Almaz
Turista Spaziale
Turista Spaziale


Numero di messaggi : 4
Località : Foggia
Data d'iscrizione : 23.10.16

MessaggioOggetto: Re: Configurazione in stile TKS / Gemini MOL   Mer 21 Dic 2016 - 16:46

Grazie infinite e scusate se rispondo solo ora, ma ho avuto parecchio da fare in questi giorni .. A dir poco illuminanti, grazie ancora happy face
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: Configurazione in stile TKS / Gemini MOL   

Tornare in alto Andare in basso
 
Configurazione in stile TKS / Gemini MOL
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» dubbio configurazione usb
» GLI STILI DI APPRENDIMENTO
» Configurare Outlook per l'email SISTRI
» METAR e TAF giorni precedenti
» Errore all' avvio configurazione orbiter

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Forum Orbiter Italia :: Fuori Tema :: Fuori Tema-
Andare verso: