CLICCA QUI PER SCARICARE ORBITER 2016
 
IndiceIndice  FAQFAQ  LinkLink  CercaCerca  RegistratiRegistrati  Accedi  
Accedi
Nome utente:
Password:
Connessione automatica: 
:: Ho dimenticato la password
FOI è sui social
Parole chiave
Pegasus Nassp DGIV Basesync Rientro Poderosa lander jarvis Antares autofcs Flotta addon AMSO OrbiterSound Missione apollo 2016 Fleet Orbiter Shuttle d3d9 sound manuale Base Universal TransX
Siti amici
AstronautiNEWS

ForumAstronautico

Orbiter Forum

Tuttovola
Ultimi argomenti
» Costruiranno uno spazioporto per suborbitali a Taranto?
Da Pete Conrad Mar 15 Mag 2018 - 18:44

» D3D9 - il client grafico di Jarmonik
Da Ripley Sab 12 Mag 2018 - 23:37

» Risorse per l'ambiente di sviluppo Visual Studio 2017 (in Win10)
Da Ripley Gio 10 Mag 2018 - 16:03

» [WIP] Missione San Marco 1
Da Dany Gio 26 Apr 2018 - 0:10

» Conversione carichi DGIV- UCGO
Da Franz Sab 21 Apr 2018 - 19:55

» Domanda punti di Lagrange
Da Ripley Gio 19 Apr 2018 - 7:56

» Addon russi di igel e Thorton incompatibili con Orbiter2016?
Da Ripley Mer 18 Apr 2018 - 14:34

» X-Plane 11
Da masdeca Mer 18 Apr 2018 - 11:57

» "Starlab" space station
Da Franz Lun 16 Apr 2018 - 21:53

» Come si mette nasa tv?
Da Francy03 Sab 14 Apr 2018 - 18:16

» Vista interna Delta Glider
Da Franz Ven 13 Apr 2018 - 18:07

» Nuova versione di TransX (Enjo)
Da Ripley Lun 9 Apr 2018 - 15:48

» ModuleMessagingExt v2
Da Ripley Dom 8 Apr 2018 - 21:05

» BaseSync MFD
Da Ripley Dom 8 Apr 2018 - 20:08

» BurnTimeCalc MFD
Da Ripley Ven 6 Apr 2018 - 1:20

» Launch MFD
Da Ripley Ven 6 Apr 2018 - 0:51

» Glideslope 2 MFD
Da Ripley Gio 5 Apr 2018 - 8:53

» Rilasciato XRSound, il nuovo sistema audio
Da Ripley Lun 12 Mar 2018 - 12:42

» Sviluppo di una base italiana - Sede ASVI
Da Franz Gio 1 Mar 2018 - 10:47

» Dalla Terra alla Luna - Serie TV
Da m.a.s Dom 25 Feb 2018 - 22:21

» Problema con D3D9Client Beta 25.4
Da Pietrogramma Dom 25 Feb 2018 - 16:28

» Intervista (finta) a Samantha Cristoforetti
Da Pete Conrad Sab 24 Feb 2018 - 18:25

» Mission to Mars
Da Edward Sab 24 Feb 2018 - 15:20

» oMMU, l'alternativa per la gestione dell'equipaggio!
Da Edward Gio 22 Feb 2018 - 13:13

» Traduzione ITA manuale operativo di volo flotta XR
Da Ripley Mer 21 Feb 2018 - 16:16

Contatore Visite

Condividi | 
 

 Nasa-IBEX trova particelle arrivate dall'esterno del sistema solare

Andare in basso 
AutoreMessaggio
simone
Add-on Developer
Add-on Developer
avatar

Numero di messaggi : 1005
Età : 22
Località : Catania
Data d'iscrizione : 12.02.10

MessaggioTitolo: Nasa-IBEX trova particelle arrivate dall'esterno del sistema solare    Dom 5 Feb 2012 - 20:43

Citazione :
Per la prima volta, una sonda della NASA ha osservato direttamente delle particelle "aliene" provenienti da aldilà del nostro sistema solare. La scoperta non solo ci fa intravedere cosa c'è nel cosiddetto mezzo interstellare - o ISM, la materia fra le stelle - ma ci offre degli indizi sull'anatomia dei nostri vicini galattici.

Orbitando attorno alla Terra a circa 322.000 chilometri di distanza, la navicella Interstellar Boundary Explorer (IBEX) è stata in grado di intercettare campioni di idrogeno, ossigeno e neon provenienti dallo spazio interstellare.

"È elettrizzante poter disporre di queste prime osservazioni di materia aliena - materiale che non proviene dal nostro Sole o da pianeti, ma che arriva da oltre i confini del nostro Sistema Solare, da altre regioni della galassia", ha detto David McComas, team leader per il programma IBEX, durante la conferenza stampa tenuta dalla NASA.

"Pensiamo che si tratti di misurazioni davvero importanti, perché questi elementi sono i materiali di costruzione fondamentali delle stelle, dei pianeti, degli esseri viventi".

La scoperta di IBEX è una "buca in uno da 24 miliardi di chilometri"

Fin
dal suo lancio, avvenuto nell'ottobre del 2008, la sonda IBEX continua a mappare i confini del Sistema Solare, la cosiddetta eliosfera. Questa "bolla" nella galassia della Via Lattea è creata dal vento solare, che è il flusso di particelle cariche costantemente emesso dal Sole in tutte le direzioni.

Il margine della eliosfera si trova, rispetto a noi, a circa un centinaio di volte la distanza che separa la Terra dal Sole, e protegge il Sistema Solare interno dalle devastanti radiazioni cosmiche.

Questo perché l'eliosfera e il campo magnetico ad essa associato allontana le particelle cariche dannose. Queste particelle - resti di supernove che si sono disperse attraverso lo spazio interstellare - viaggiano verso di noi a circa 80.000 chilometri l'ora. Ma metà delle particelle nel vento interstellare sono neutre, e questo tipo di atomi non carichi può riuscire a entrare nel nostro Sistema Solare.

Alcune di queste particelle neutre di idrogeno, ossigeno, e neon sono riuscite ad arrivare in prossimità della Tera, dove sono state individuate da IBEX, spiega McComas: "È stato come fare buca in uno da 24 miliardi di chilometri".

Il Sistema Solare è ricco di ossigeno?

Un'analisi dei nuovi dati raccolti da IBEX ha messo a confronto il rapporto fra ossigeno e neon provenienti dallo spazio interstellare con quello fra gli stessi atomi ma originari nel nostro Sistema Solare. Il risultato indica che quest'ultimo sembra contenere una maggior quantità di ossigeno rispetto allo spazio interstellare circostante.

Ciò potrebbe significare che il nostro Sistema solare sia migrato nella sua posizione attuale da un ambiente più ricco di ossigeno. O è possibile che una grande quantità di ossigeno sia intrappolata all'interno di granelli di polveri e ghiaccio nel mezzo interstellare.

IBEX inoltre ha misurato la velocità del vento interstellare, rivelando che si muove circa 11.000 chilometri l'ora meno di quanto rilevato in precedenza. Combinando questi dati con quelli rilevati in precedenza delle più vicine nubi interstellari - rarefatti ammassi di gas e polveri a vari anni luce di distanza - gli studiosi sono stati in grado di definire con maggior precisione la nostra posizione nel locale vicinato galattico.

Il nostro Sistema Solare sembra situato al margine di una delle varie rarefatte nubi interstellari che si muovono attraverso questa regione della galassia, nube da cui, nelle prossime migliaia di anni, potremmo uscire, indicano i dati.

"È davvero elettrizzante sapere dove si trova il nostro Sole rispetto alle nubi locali. Questa scoperta per la prima volta inserisce realmente la nostra stella nel contesto", dice l'astronomo Seth Redfield della Wesleyan University di Middletown, Connecticut, che lavora la progetto IBEX.

"La nostra posizione all'interno della nostra nube interstellare è importante", aggiunge Redfield, "perché la struttura dell'eliosfera cambia a secondo del fatto che sia all'interno o al di fuori della nube, e questo quindi produce effetti sulla capacità di proteggerci dai devastanti raggi cosmici".

I nuovi risultati della sonda IBEX sono pubblicati nel numero di febbraio della rivista Astrophysical Journal Supplements.
DA
NATIONAL GEOGRAPHIC
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente http://www.facebook.com/profile.php?cropsuccess&id=100000660
 
Nasa-IBEX trova particelle arrivate dall'esterno del sistema solare
Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Forum Orbiter Italia :: Fuori Tema :: Scienza e Astronomia-
Andare verso: