RILASCIATO ORBITER 2016!!! CLICCA QUI PER SCARICARLO
 
IndiceIndice  FAQFAQ  LinkLink  CercaCerca  RegistratiRegistrati  Accedi  
Accedi
Nome utente:
Password:
Connessione automatica: 
:: Ho dimenticato la password
FOI sui social networks
Argomenti simili
Siti Amici
Astronautica Ultima Speranza

AstronautiNEWS

Orbiter Forum

Tuttovola.org

Contatore Visite
Ultimi argomenti
» Texfilms - Un nuovo canale streaming live
Da Ripley Oggi alle 20:14

» Nuove textures HRSC per Marte
Da wolf Ven 18 Ago 2017 - 12:02

» Multistage2015
Da fred18 Ven 11 Ago 2017 - 20:12

» Domanda ridicola sui piani orbitali Terra-Luna
Da Ripley Mar 8 Ago 2017 - 7:29

» Space Shuttle Ultra - il vero Shuttle a casa vostra
Da wolf Gio 3 Ago 2017 - 21:17

» sound e carburante limitato
Da DDD Mer 2 Ago 2017 - 11:11

» Cambio indirizzo mail
Da Ripley Mar 1 Ago 2017 - 16:28

» [Risolto] Problema download XR Fleet
Da DDD Dom 23 Lug 2017 - 9:39

» [Risolto] Problema avviamento Orbiter
Da Ripley Sab 22 Lug 2017 - 21:12

» Buonasera, mi presento
Da Ripley Sab 22 Lug 2017 - 14:40

» Terza missione di Paolo Nespoli nello spazio.
Da Pete Conrad Ven 14 Lug 2017 - 22:33

» Nuove navi in sviluppo per la flotta XR: XR0, XR3, XR4
Da wolf Ven 7 Lug 2017 - 12:24

» Traduzione ITA manuale operativo di volo flotta XR
Da Ripley Ven 7 Lug 2017 - 11:44

» D3D9Client - il client grafico di Jarmonik
Da Ripley Gio 6 Lug 2017 - 22:17

» GeneralVehicle
Da marcogavazzeni Gio 29 Giu 2017 - 20:24

» Vittime del lancio della Progress MS-06
Da Ripley Sab 24 Giu 2017 - 22:50

» Sviluppo di una base italiana - Sede ASVI
Da Ripley Sab 17 Giu 2017 - 11:37

» OMP - Orbiter Multiplayer Project - Installazione
Da Ripley Mer 24 Mag 2017 - 15:13

» Poderosa 2017
Da marcogavazzeni Mar 23 Mag 2017 - 21:14

» Delphinus
Da marcogavazzeni Lun 15 Mag 2017 - 19:59


Condividere | 
 

 Interplanetary MFD: Come funziona?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
TerryGroove
Autore Tutorial
Autore Tutorial


Numero di messaggi : 306
Età : 49
Località : Tolentino - MC
Data d'iscrizione : 09.01.11

MessaggioTitolo: Interplanetary MFD: Come funziona?   Sab 12 Feb 2011 - 11:19

Affrontando la missione terra luna, in fase di rientro ho utilizzato e scoperto questo fantastico strumento. Con la missione Apollo 11 ho poi scoperto ulteriori potenzialità, anche se Lunar transfer che si usa li non è esattamente la stessa cosa, ma gli somiglia parecchio. Ora vorrei sapere, da qualche utente più esperto, come poter padroneggiare questo strumento a fondo.
Per esempio, ho fatto delle prove usandolo per andare dalla terra alla luna. In qualche caso mi dice che i dati non sono addirittura validi (ad esempio se metto Earth come src e moon come tgt) In altri il tutto sembra avviarsi, salvo poi non centrare la traiettoria. Ho provato inserendo Earth come ref (e questo lo gioco come fissa) poi ho inserito delle triple tipo moon come tgt e equator come src, oppure moon come src ed equator come tgt, oppure moon sia come src che tgt. Tutte queste combinazioni le accetta, ma poi non so bene che cosa mi calcoli.
Qualcuno su questo sito, è in grado di spiegarmi con chiarezza come si devono impostare i valori quando devo andare da A a B? E' preferibile usare Planet Approch (come ho fatto con grande facilità tornando dalla luna alla terra) o è meglio affidarsi al programma target interception?
Sono davvero innamorato di questo strumento, ma non ho trovato una guida veramente chiara e sistematica.
Anche i dati impostati mi lasciano perplesso. Che cosa devo fornire al computer perchè calcoli la giusta traiettoria e la giusta accensione: il PeA desiderato al bersaglio, l'angolo di inclinazione relativo, e il momento dell'accensione. Ma quest'ultimo dato non dovrebbe essere conseguenza matematica degli altri due? Insomma, sto diventando matto, se qualcuno mi può aiutare gliene sarei veramente grato.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Fausto
Admin
Admin
avatar

Numero di messaggi : 7089
Età : 34
Località : Arcore (Milano)
Data d'iscrizione : 27.06.09

MessaggioTitolo: Re: Interplanetary MFD: Come funziona?   Sab 12 Feb 2011 - 13:40

Per andare dalla Terra alla Luna devi usare il programma Target Intercept, ed impostare il target (premi il tasto TGT e scrivi Moon appunto) In questo modo ti dovrebbe calcolare già la traiettoria e i seguenti parametri:

SINISTRA
TEj : tempo all'accensione in secondi
GET tempo all'accensione in ore//minuti//secondi

DESTRA

Tin tempo all'arrivo in secondi
GET tempo all'arrivo in ore//minuti//secondi

Quando effettui questa manovra assicurati che sia impostata l'opzione OFF-AXIS e non REALTIME.. in questo modo il calcolo sarà più preciso, perchè studiato per assistere accensioni lunghe.

Fatto questo premi il tasto PG e premi AB in basso a destra.. in questo modo il computer prende in mano il controllo della nave..

Inizia così, ci saranno da fare altre cose lungo il tragitto!

_________________________________________________

Dategli una grande sfida, una che sembra impossibile. Dategli il desiderio di vincerla. Unite le due cose, e l'essere umano è capace di tutto

Jim Lovell
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
orbeklit
Autore Tutorial
Autore Tutorial
avatar

Numero di messaggi : 401
Località : italia
Data d'iscrizione : 30.12.10

MessaggioTitolo: Re: Interplanetary MFD: Come funziona?   Sab 12 Feb 2011 - 15:25

TerryGroove ha scritto:
...Qualcuno su questo sito, è in grado di spiegarmi con chiarezza come si devono impostare i valori quando devo andare da A a B? E' preferibile usare Planet Approch (come ho fatto con grande facilità tornando dalla luna alla terra) o è meglio affidarsi al programma target interception?
Sono davvero innamorato di questo strumento, ma non ho trovato una guida veramente chiara e sistematica....
http://www.orbithangar.com/searchid.php?ID=4142
L' Appendix C del Full Manual descrive dettagliatamente Source e Target per ogni viaggio.
L' Appendix D ti spiega cosa usare e come:
- Program;
- Information;
- Used to;
- Appropriate to use when;
- Helpful Hints;
Ci sarebbero molte cose da dire su questo stupendo programma, ma sarebbe meglio prima studiare il manuale, sicuramente aiuta.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
TerryGroove
Autore Tutorial
Autore Tutorial


Numero di messaggi : 306
Età : 49
Località : Tolentino - MC
Data d'iscrizione : 09.01.11

MessaggioTitolo: Re: Interplanetary MFD: Come funziona?   Sab 12 Feb 2011 - 18:41

Non conoscevo questo manuale, i tutorial che avevo scaricato e letto fino ad ora non mi erano parsi molto illuminanti, speriamo che questo sia più inteligibile.
Grazie Orbeklit, e grazie soprattutto a Fausto che viene sempre prontamente in soccorso dei fratelli in difficoltà con suggerimenti pratici e mirati sui quali si può cominciare a lavorare subito.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
TerryGroove
Autore Tutorial
Autore Tutorial


Numero di messaggi : 306
Età : 49
Località : Tolentino - MC
Data d'iscrizione : 09.01.11

MessaggioTitolo: Re: Interplanetary MFD: Come funziona?   Sab 12 Feb 2011 - 20:38

Allora, cominciamo col dire che l'appendix C fornisce informazioni su come impostare src e tgt ma specifica da subito che non fornisce (e non si capisce bene perchè) le indicazioni per il viaggio fra un pianeta e i suoi satelliti. (ma io il viaggio fra luna e terra l'ho fatto e va benissimo) Comunque, per ora l'ho solo guardato, ora lo studierò più a fondo, e se nessuno riuscirà a spiegarmelo prima, proverò a tirar fuori un riassunto razionale da mettere a disposizione della comunità. (ammesso che anch'io possa riuscire a capirci qualcosa)
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
orbeklit
Autore Tutorial
Autore Tutorial
avatar

Numero di messaggi : 401
Località : italia
Data d'iscrizione : 30.12.10

MessaggioTitolo: Re: Interplanetary MFD: Come funziona?   Sab 12 Feb 2011 - 22:48

Non so perchè l' abbiano omesso, ma per pianeta-satellite o pianeta-pianeta utilizzi Target Intercept. Nell' Appendix G ci sono 7 tutorial, al momento ne ho visto solo qualcuno. Adesso sto facendo delle prove per vedere vantaggi-svantaggi di allineamenti source-plane e two-plane, che a volte non sembrano funzionare correttamente (PlC).
In questo video puoi vedere come con una manciata di click si può raggiungere marte.
http://vimeo.com/19699319
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
TerryGroove
Autore Tutorial
Autore Tutorial


Numero di messaggi : 306
Età : 49
Località : Tolentino - MC
Data d'iscrizione : 09.01.11

MessaggioTitolo: Re: Interplanetary MFD: Come funziona?   Dom 13 Feb 2011 - 14:11

Dunque, in effetti anch'io ho visto che tutto si può fare molto velocemente, ma mi sembra un pò complicato. Ho esaminato il tutorial terra luna e l'ho capito perfettamente, tanto da averlo riprodotto alla perfezione. Target intercept a quanto ho capito lancia dritti verso il target, (come se si trattasse di un oggetto in orbita, ed in effetti la luna è un oggetto in orbita sia pure molto lontano) che dopo essere stato selezionato viene manualmente inseguito con l'opzione BV. In pratica si aspetta che il dv richiesto si minimizzi (Scende fino a circa 10700) per poi risalire, quindi si parte e si centra la croce che guida la direzione della spinta. Superata l'atmosfera si può anche passare in automatico. Terminata la spinta e azzerato il Dv si è già in rotta, ma con lo stesso sistema di Auto Burning si possono effettuare ulteriori correzioni, peraltro inutili. Anche perchè la correzione vera devi farla tu perchè la traiettoria ti porterebbe asattamente al centro del target, facendoti schiantare sulla superficie lunare. Il tutorial alla fine usa Base approch, che ancora non ho visto bene come funziona, ma in pratica passa direttamente da target intercept a base approch per cui si dirige sulla base credo senza neanche andare in orbita. Insomma per certi versi tutto semplificato, ma per certi altri tutto molto più complicato. Non so, ma la procedura ti Transfer MFD mi risulta più chiara e più logica anche se a conti fatti meno precisa. Ad esempio non ti dice nulla dei tempi di accensione, e se non ti regoli tu ad anticipare di un minuto abbondante l'accensione spesso poi produci un certo errore, rimediabile per carità, mancare la luna è comunque difficile, ma in ogni caso costoso in termini di carburante, anche se con il deltaglider non ci sono comunque grossi problemi (oddio non è che all'allunaggio ne avanzi poi tantissimo) Tuttavia ho visto che anche Interplanetary non offra poi tutto questo gran risparmio in termini di energia, e anche se non ho finito le operazioni, mi sembra che a metà strada il consumo fosse grosso modo quello.
Continuo a non capire come questo programma non contempli una procedura che preveda un inserzione in orbita e un espulsione dall'orbita. O almeno, se non lo prevede dalla Terra alla Luna, perchè poi lo accetta dalla Luna alla terra? sono sempre gli stessi corpi celesti. Insomma, la procedura che uso al ritorno e che trovo molto comoda perchè in sostanza ti guida attraverso il surface Lunch lungo il giusto azimuth verso il raggiungimento di un orbita già allineata, non te lo fa usare al ritorno e continuo a non capire il perchè. Io sto studiando, ma se qualcuno mi può fornire lumi mi conforterebbe parecchio. Cerco solo di capire il perchè delle cose, perchè poi alla fine sulla luna ci sono arrivato sia con transfer che con IMFD.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
orbeklit
Autore Tutorial
Autore Tutorial
avatar

Numero di messaggi : 401
Località : italia
Data d'iscrizione : 30.12.10

MessaggioTitolo: Re: Interplanetary MFD: Come funziona?   Dom 13 Feb 2011 - 15:55

Vero, il Surface Launch program lascia anche a me un po' di dubbi, sto tentando di capire qual è l' inghippo, ma per il resto IMFD è semplicemente FANTASTICO!
Comunque, per carità, se ritieni Transfer più vantaggioso, libero di usarlo, ovvio. C'è anche Trans-X, che è anche più impegnativo di IMFD (non lo uso molto per via del suo Burn Vector che non mi piace molto). Comunque se fai una ricerca per IMFD anche in questo sito troverai diversi tutorial.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
TerryGroove
Autore Tutorial
Autore Tutorial


Numero di messaggi : 306
Età : 49
Località : Tolentino - MC
Data d'iscrizione : 09.01.11

MessaggioTitolo: Re: Interplanetary MFD: Come funziona?   Dom 13 Feb 2011 - 18:27

Beh. è evidente a tutti che transfer sia uno strumento molto più limitato ed approssimativo, dico solo che, forse proprio per questo, ha una logica più razionale.
C'è poi un altra cosa che mi sfugge e che sto cercando di capire. Quando uso surface launch, la discrepanza con l'angolazione del target dovrebbe essere segnalata dal valore EIn, che dovrebbe appunto terminare a zero, ho notato però che ci sono discrepanze con quanto riporta align plane sullo stesso target. Devo però verificarlo meglio.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
orbeklit
Autore Tutorial
Autore Tutorial
avatar

Numero di messaggi : 401
Località : italia
Data d'iscrizione : 30.12.10

MessaggioTitolo: Re: Interplanetary MFD: Come funziona?   Dom 13 Feb 2011 - 19:15

Penso di aver risolto l' inghippo del Surface Launch (funziona anche Terra-Luna), più avanti descrivo.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Ripley
Moderator
Moderator
avatar

Numero di messaggi : 4436
Età : 53
Località : Roma
Data d'iscrizione : 12.07.10

MessaggioTitolo: Re: Interplanetary MFD: Come funziona?   Lun 14 Feb 2011 - 11:23

Orbeklit e TerryGroove, siete molto attivi e prolifici!! Thumb Up
A questo punto smettetela di considerarvi "Principianti", non lo siete per niente!

Mi raccomando, ricordatevi un giorno di postare i vostri lunghi thread in forma di tutorial (e nella sezione tutorial), la comunità vi ringrazierebbe!
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.tuttovola.org
orbeklit
Autore Tutorial
Autore Tutorial
avatar

Numero di messaggi : 401
Località : italia
Data d'iscrizione : 30.12.10

MessaggioTitolo: Re: Interplanetary MFD: Come funziona?   Lun 14 Feb 2011 - 18:13

Grazie mille Ripley! Ho già postato qualcosa che ricorda vagamente un tutorial, ma che chiamerei più "condivisione d' esperienze!" happy face
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
TerryGroove
Autore Tutorial
Autore Tutorial


Numero di messaggi : 306
Età : 49
Località : Tolentino - MC
Data d'iscrizione : 09.01.11

MessaggioTitolo: Re: Interplanetary MFD: Come funziona?   Mar 15 Feb 2011 - 18:24

Grazie Ripley dei complimenti, io sto cercando disperatamete di capire e di imparare, se poi riesco anche ad essere d'aiuto a qualcuno tent meglio!
In effetti il bello di qesto simlatore è che esistno sempre nuovi lvelli di utilizo e di comprensione che ogni volta che arivi ad un tragurdo, spostao sempre 'orizzonte del tuo interesse. Così adesso mi ritrvo a scervelermi er cercare di decifrare qeusto potentissimo ma alquanto macchinoso strumento che è IMFD. Ho approfondito lo studio e poso fornire adessoalcune preliminari conclusioni. (preliminari perchè c'è ancora tant da capire). Ho trovato un altra procedura per raggiungere la Luna dalla Terra, come immaginavo esistesse, che prevede un espulsine da unorbta consolidata. (l'altra prevedeva un lancio diretto verso il target selzionato, attraverso l'opzine BV). In questo caso si deve prima raggiungere un orbita, mglio e molo eleata (600 o 700km) perchè credo che riduca i tempi di accesione mimizzando il Dv. Fatto questo seguite la seguente procedura:

Aprite IMFD su entrabe i display. Nel display di destra selezionate op mode e digitate 0 sulla finetra di dialogo. Questo aggancerà il monitor destro al montor sinistro.
Fatto questo tornate sul display disinistra e attivate l'opzone Course quindi scegliete il programma Target Intercept, quindi premete TGT e igitate moon nella finestra di dialogo. Ora sulla colonnadestra tra le varie opzioni (sono due pagine che potete alternare con il pulsante PG sulla colonna sinistra) Troverete Nxt e Prv premendo i quali dovrete spostarvi sul valore TIn che si attiverà diventando di colore bianco, quindi premete set sempre sulla colonna destra, e digitate 270K nella finestra di dialogo (che d'ora in poi chiamero brevemente fd) Non so da dove esca questo valore, in effetti potreste metterne anche un altro, perchè s tratta di una vostra scelta, e indica solo il tempo in cui desiderate che avvenga l'inserzione. Tuttavia credo che si tratti del valore che riduca al minimo il Dv o almeno il valore più razionale dat la distanza, che è soggetto però a successive piccolemodificazioni. Io ho provato ad inserire altri valori ma ho avuto sempre un Dv più alto. Dunque atteniamoci qanto suggerito dal tutorial e digitiamo 270K. Poi scendiamo col Nxt sul valore Realtime e con i tasti + e - sempre sulla colonna destra spostiamolo su Off-Axis (si tratta del controllo dell'autoburn che in modalità off axis è più preciso per le accensioni lunghe, come mi spiegava giustamente Fausto)
Fatto questo spostatevi sulla colonna sinistra e premete il pulsante MOD, che vi mostrerà la pagina di Offset. Ora, secndo me, l'offsetting (che signifca spostamento del punto di intercettamento fuori dal centro del target) non sarebbe necessario, tanto poi vedrete che dovrete fare comunque grosse correzioni, per cui converrebbe forse puntare il bersaglio al centro. Tuttavia da un punto di vista logico è giusto, dato che dobbiamo centrare un pianeta ci si sposta almeno del suo raggio per sfiorarne la superficie inserendosi nella sua orbita. Per ci suggerisco ancora di seguire alla lettera il tutorial e selezionare sempre mediante Nxt e Prv l'opzione Offset-Disabled, spostandola con + e- sul valore Vel. Frame (e qui non chiedetemi che significhi). Lasciate prograde invariato così come lon e lat e spostatevi sul valore RAD dove premendo set attiverete la fd nella quale scriverete 8M (più o meno il raggio Lunare). A questo punto i valori sono tutti impostati e necessitano solo di piccoli ritocchi che farete osservando la figura che si produrrà sulla Map che attiverete del menù del IMFD di destra. Appena entrati nella mdalità interplanetary Map a destra selezionate mediante il tasto MOD la modalità Interplanetary map config, che è un elenco di opzioni facilmente rconoscibile. Selezionate Time Limit e tramite il tasto SET digitate nela fd 600k. (anche questo non mi chiedete cosa voglia dire ma fatelo e basta). Quindi ripremete MOD per tornare sullo schermo principale e sfogliate la pagina di opzioni della colonna destra tramite il tasto PG sulla colonna sinistra fino a che non troverete le opzioni Plan e int che attiverete entrambi. Poi
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
TerryGroove
Autore Tutorial
Autore Tutorial


Numero di messaggi : 306
Età : 49
Località : Tolentino - MC
Data d'iscrizione : 09.01.11

MessaggioTitolo: Re: Interplanetary MFD: Come funziona?   Mar 15 Feb 2011 - 18:41

Poi selezionate TGT e digitate Moon. Quindi cercate ancora con PG l'opzione Cnt e dopo averla selezionata scrivete sulla fd r-moon è importante scrivere r- perchè questo vi permetterà di visualizzare la luna nel momento dell'intercettazone e non nel momento attuale. A questo punto guardate la figura e zoommate a volontà, (i tasti Z+ e Z- sulla colonna destra) fino a vedere il cerchio della luna attraversato da una linea gialla (la sua trauiettoria orbitale) e lambito da una linea blu che rappresenta la vostra ipotetica traiettoria. Ci sono anche due linee verticali una gialla e una bianca. Quello che dovete fare ora è selezionare TIn sul display di sinistra e modificarlo con i tasti + e - fino a che le due linee tratteggiate non si sovrappongano (per fare prima premete il tasto Adj in basso a destra e settate a 10X) Quando le inee coincidono potete anche, se volete, ritoccare il valore Rad per avere un ipotetico periluneo più basso, ma ricordatevi che poi dovrete riallineare nuovamente le linee che modificando il rad si spostano ulteriormene. Tra l'altro tenete conto che il tutto rislterà molto impreciso, e dovrete comunque effettuare vistose correzioni. Raggiunta un immagine soddisfacente premete PG sul monitor di sinistra e cercate sull colonna deststra l'opzione BV. Attivatele e vedrete i dettagli del vostro vettore di accensione. Attivate AB in basso a destra e non vi resta che aspettare che il computer faccia tutto lui. Noterete però che il risultato non sarà per niente preciso, e slla mappa inizieranno a prodursi grosse divergenze con quanto impostato. Il vostro periluneo potrà essere molto negativo o molto più alto di quanto atteso. Per come io ho fatto le dovute correzioni vi rmando al prossio post dove parlerò ancora di questo Famigerato IMFD.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
orbeklit
Autore Tutorial
Autore Tutorial
avatar

Numero di messaggi : 401
Località : italia
Data d'iscrizione : 30.12.10

MessaggioTitolo: Re: Interplanetary MFD: Come funziona?   Mar 15 Feb 2011 - 20:11

TerryGroove ha scritto:
...Per ci suggerisco ancora di seguire alla lettera il tutorial e selezionare sempre mediante Nxt e Prv l'opzione Offset-Disabled, spostandola con + e- sul valore Vel. Frame (e qui non chiedetemi che significhi). Lasciate prograde invariato così come lon e lat e spostatevi sul valore RAD dove premendo set attiverete la fd nella quale scriverete 8M (più o meno il raggio Lunare)....
Secondo me col Velocity Frame ti complichi il viaggio. A pagina 41 del manuale, spiega che l' offsetting serve per spostare il punto di target dal centro al raggio specificato, quindi se immetti es. 1.8M arrivi appena sopra la superficie lunare, 8M (che non è il raggio lunare!) è molto distante. Comunque, una volta eseguito l' Orbit Eject, ti conviene utilizzare il Base Approach, che corregge e quindi esegue anche l' offset per potersi allineare direttamente sulla base. E' molto più semplice e efficace.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
TerryGroove
Autore Tutorial
Autore Tutorial


Numero di messaggi : 306
Età : 49
Località : Tolentino - MC
Data d'iscrizione : 09.01.11

MessaggioTitolo: Re: Interplanetary MFD: Come funziona?   Mar 15 Feb 2011 - 22:36

Si, in effetti pensavo che il valore di offset che impostava il tutorial di 8M fosse vicino al raggio Lunare ma non è proprio così. Però non puoi mettere un valore tanto inferiore perchè altrimenti non ci arrivi proprio. Io non so cosa sia il velocity Frame, ma ho seguito le istruzioni del tutorial, se mi dici che complica la vita spiegami perchè e cosa dovrei fare di alternativo, sono tutto orecchi. Quello che dici sull'offsetting è la stessa cosa che ho detto io, e anch'io la ritengo superflua, anche se concettualmente logica. Il base approch non ll'ho ancora studiato, ma sarà il prossimo passaggio, anche se manualmente faccio tutto ugualmente con grande precisione. Ti dirò che sto facendo delle comparazioni. Stasera partendo dalla terra ho impiegato 2gg. 23h e 45' per effettuare un allunaggio perfetto, e residuavo 1,86 di carburante. Ieri invece usando la procedura tradizionale con transfert ho inpiegato 3gg. 14h 00', quindi 14h e15' in più, con un consumo del tutto analogo (residuavo 1,64 ma credo di aver speso di più per allinearmi alla base lunare avendo eseguito l'operazione già in orbita mentre stasera l'ho fatto da molto prima con un accensione molto più breve, per cui direi che il consumo è assolutamente lo stesso forse un pò meno con transfert). Comunque se mi dici come migliorare la procedura mi fai un gran favore. Io tutto sommato così com'è la trovo efficace, ma sostanzialmente non migliore di quella eseguita con transfert. Si, sono 14 ore in meno, ma tutto sommato non un gran vantaggio.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
TerryGroove
Autore Tutorial
Autore Tutorial


Numero di messaggi : 306
Età : 49
Località : Tolentino - MC
Data d'iscrizione : 09.01.11

MessaggioTitolo: Re: Interplanetary MFD: Come funziona?   Mer 16 Feb 2011 - 8:46

Continuando la comparazione, ritengo ce il sistema di Transfert sia più logico, in quanto ti chiede di fornire come dato, direttamente il Dv, che risulta quindi ridotto al minimo, in quanto il tempo di espulsione viene poi calcolato di conseguenza. Il tempo di intercettazione dipende poi da quanto Dv vogliamo dare. Nel caso di Target intercept di IMFD invece, quelo che ci viene richiesto è il tempo in cui vogliamo che avvenga l'intercettazione, e già mi pare piuttosto illogico, perchè come dato dovrebbe essere l'ultimo a scaturire. Io potrei infatti inserire anche un valore impossibile da ottenere con la potenza e il carburante a disposizione. Il tempo di espulsione poi (TEj) viene calcolato addirittura autonomamente su quella che il computer ritiene essere la migliore finestra utile. Infatti il dato è già presente quando accendiamo Interplanetary Target intercept, (come del resto è presente anche un iniziale DV preimpostato che credo sia frurro di un calcolo del computer fatto sulla base dei dati in suo possesso circa la nostra posizione e il bersaglio scelto). Ora se provate come ho fatto io a modificare i dati del TEj vi accorgerete che otterrete sempre un DV maggiore e a volte spropositato. Per il TIn invece il discorso è diverso, perchè modificando il dato preimpostato si ottiene un abbassamento del Dv, pertanto questa manovra va assolutamente fatta. (Infatti si imposta a circa 270k) da notare infine che il dato preimpostato che è superiore a 400k, quindi prevede un intercettazione molto più lenta e lontana nel tempo, in realtà richieda un Dv più elevato. Intuitivamente io pensavo che più si ritardasse il tempo d'intercettazione meno spinta bisognasse dare, ma evidentemente non è così. Il problema però è che mentre con transfert ci si concentra solo sul valore del Dv e si ottengono tutti gli altri di conseguenza, qui si devono combinare due valori a caso e anche se come detto il TEj può essere considerato affidabile quello fornito dal computer pertanto alla fine si può ridurre tutto anche qui alla modifica di un solo dato, resta il fatto che il Dv prodotto risulta essere sempre più alto di quello utilizzato da Transfert. Con Transfert infatti ottengo sepre un Dv intorno ai 3100, mentre con Interplanetary è sempre sopra i 3500. Devo ancora comparare i dati della procedura che prevede un ascesa diretta senza passare per l'orbita di parcheggio, e un analoga soluzione per l'allunaggio diretto evitando l'inserimento orbitale. In quel caso si dovrebbe avere un certo risparmio di carburante, dunque la procedura potrebbe essere conveniente, e solo IMFD può permettervi di attuare una simile strategia, (non conosco TransX e non saprei dirvi), ma come vi ho detto mi riservo prima di comparare i dati.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
TerryGroove
Autore Tutorial
Autore Tutorial


Numero di messaggi : 306
Età : 49
Località : Tolentino - MC
Data d'iscrizione : 09.01.11

MessaggioTitolo: Re: Interplanetary MFD: Come funziona?   Mer 16 Feb 2011 - 11:49

Ho terminato la comparazione con la tecnica di ascesa diretta: Il viaggio si completa in 4gg. 17h e 47', quindi è la soluzione più lenta e con un consumo del tutto analogo alle precedenti (fuel residuo1,83). A conti fatti è comoda perchè non dovete perdere tempo a raggiungere l'orbita. Richiede solo un pò d'impegno per superare l'atmosfera mentre si deve cercare di antenere la croce bianca al centro, ma poi superati i 70-80 km di quota basta premere AB e il computer fa tutto lui. Quindi a conti fatti, considerato che il tempo può essere accellerato non ha molta importanza se il viaggio dura di più, perchè essendo minore il tempo in cui sono richieste le vostre manovre in realtà con questa soluzione ci impiegate molto di meno. (magari ci si diverte anche un pò meno però). Attuarla è semplicissimo, basta attivare IMFD e selezionare il programma Target Interception. Quindi selezionate Moon come target (TGT e digitate moon nella finestra di dialogo quindi invio). Fatto questo con i tasti Nxt e Prv attivate l'opzione TEj e dopo aver premuto SET digitate 0 nella fd. A questo punto premete PG e sulla colonna destra selezionate BV. Vi apparirà un cerchio con 4 quadranti, ed una linea che parte dal centro e termina in una croce in uno dei 4 quadranti. In basso a sinistra leggerete l'attuale valore del DV calcolato in tempo reale. A questo punto mandate avanti il tempo e aspettate che la croce occupi uno dei due quadranti superiori (sopra l'orizzonte). Quindi controllate il valore Dv nel quadrante in basso a sinistra lasciatelo scendere fino a che non vedrete la sua corsa arrestarsi. Quando è al minimo (dovrebbe essere sui 10700 10800 o giù di li), quello è il momento di partire. Una volota decollati ritraete il carrello e volate centrando la croce nel cerchio centrale del display. Quando la croce è grigia siete perfettamente orientati. Tenete manualmente la croce al centro fino a che non avete raggiunto una quota di 70 80 km, quindi spegnete i motori e passate subito su AB. Il computer terminerà la manovra per voi. In rotta poi si può ripetere l'operazione premendo semplicemente AB per effettuare delle correzioni di midcourse. Ora devo scappare, ma fondamentalmente è tutto qui. La prossima volta parlerò degli importanti accessori che fornisce questo programma IMFD che sono utilissimi e che da soli giustificano il valore del programma stesso.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Interplanetary MFD: Come funziona?   

Tornare in alto Andare in basso
 
Interplanetary MFD: Come funziona?
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Interplanetary MFD: Come funziona?
» Selex, il SISTRI funziona
» la TAC: COS'E' E COME FUNZIONA
» non funziona il portale studenti
» Disservizi ORSO Arpa

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Forum Orbiter Italia :: Orbiter Space Flight Simulator :: Forum Principianti-
Andare verso: