CLICCA QUI PER SCARICARE ORBITER 2016
 
IndiceIndice  FAQFAQ  LinkLink  CercaCerca  RegistratiRegistrati  Accedi  
Accedi
Nome utente:
Password:
Connessione automatica: 
:: Ho dimenticato la password
FOI è sui social
Parole chiave
luna launch d3d9 apollo Ciao Antares lander Rientro azimuth Basesync IMFD autofcs Nassp Quasar Skin jarvis launchpad Aerobrakemfd tutorial AMSO TransX DGIV XRSound Mercurio Shuttle OrbiterSound
Siti amici
AstronautiNEWS

ForumAstronautico

Orbiter Forum

Tuttovola
Ultimi argomenti
» Sviluppo Lander marziano
Da Franz Ieri alle 16:47

» Utenti Attivi
Da Franz Lun 12 Nov 2018 - 21:25

» Le texture HiRes di Orbiter2016
Da Ripley Gio 1 Nov 2018 - 22:04

» D3D9 - il client grafico di Jarmonik
Da Ripley Mer 24 Ott 2018 - 19:40

» [Risolto] Apertura scenari impossibile
Da gigigeni Lun 22 Ott 2018 - 7:35

» Problema equipaggi UMMU
Da Ripley Gio 11 Ott 2018 - 16:49

» [WIP] Missione San Marco 1
Da Franz Mer 3 Ott 2018 - 9:43

» SoundBridge
Da Ripley Mer 12 Set 2018 - 20:36

» Nuova versione BETA di Orbiter
Da Ripley Mer 12 Set 2018 - 11:53

» Un timer LUA per i lanci
Da Ripley Mer 5 Set 2018 - 22:50

» Alle otto della sera: dalla Terra alla Luna
Da Ripley Lun 3 Set 2018 - 11:32

» Video Tutorial Missione Apollo 8
Da Tiger14 Mer 8 Ago 2018 - 13:19

» Scoperta acqua liquida (sotterranea) su Marte
Da Ripley Mer 25 Lug 2018 - 17:17

» Press kit delle missioni simulate
Da Ripley Dom 15 Lug 2018 - 20:22

» Costruiranno uno spazioporto per suborbitali a Taranto?
Da Ripley Sab 7 Lug 2018 - 19:38

» Orbiter 2016 Android 8
Da Ripley Sab 7 Lug 2018 - 18:55

» ModuleMessagingExt v2
Da Ripley Lun 25 Giu 2018 - 10:36

» Risorse per l'ambiente di sviluppo Visual Studio 2017 (in Win10)
Da Ripley Gio 10 Mag 2018 - 16:03

» Conversione carichi DGIV- UCGO
Da Franz Sab 21 Apr 2018 - 19:55

» Domanda punti di Lagrange
Da Ripley Gio 19 Apr 2018 - 7:56

» Addon russi di igel e Thorton incompatibili con Orbiter2016?
Da Ripley Mer 18 Apr 2018 - 14:34

» X-Plane 11
Da masdeca Mer 18 Apr 2018 - 11:57

» "Starlab" space station
Da Franz Lun 16 Apr 2018 - 21:53

» Come si mette nasa tv?
Da Francy03 Sab 14 Apr 2018 - 18:16

» Vista interna Delta Glider
Da Franz Ven 13 Apr 2018 - 18:07

Argomenti simili
Contatore Visite

Condividi | 
 

 New Glenn, annunciato l'ennesimo lanciatore pesante..

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Fausto
Admin
Admin
avatar

Numero di messaggi : 7088
Età : 35
Località : Arcore (Milano)
Data d'iscrizione : 27.06.09

MessaggioTitolo: New Glenn, annunciato l'ennesimo lanciatore pesante..   Mer 14 Set 2016 - 11:24






Da Astronautica.us:

http://www.astronautica.us/astronauticaus_news_2016_9.html#2016_09_27

Blue Origin presenta il razzo New Glenn, con il primo stadio recuperabile -
Jeff Bezos, fondatore di Amazon e della compagnia spaziale Blue Origin ha svelato i piani per un massiccio razzo chiamato 'New Glenn' destinato a portare satelliti e persone nello spazio.
Bezos, che ha dichiarato al Washington Post che la Blue Origin sta lavorando a questo veicolo di lancio d quattro anni e che sarà pronto entro la fine del decennio. Alto 82 metri per la versione a due stadi e 95 per quella a tre stadi, sarà il razzo più alto fra tutti quelli oggi sul mercato, compreso il Falcon 9 della SpaceX (78 metri). Il New Glenn è un nano solo in confronto con il mitico Saturno 5 (altro 110 metri) che ha portato gli astronauti dell'era Apollo sulla Luna negli anni '60 e '70.
La NASA è attualmente al lavoro su un razzo chiamato Space Launch System (SLS) che sarà ancora più alto (117 metri) e che dovrebbe portare gli esseri umani verso un asteroide e, forse un giorno, persino su Marte.
Bezos ha detto che la Blue Origin ha imparato un sacco facendo volare il razzo suborbitale New Shepard, un veicolo alto 20 metri ideato per portare turisti ai confini dello spazio e ritorno. "Costruire, volare, atterrare e far ri-volare il New Shepard ci ha permesso di fare così tanta pratica sul come progettare un veicolo riutilizzabile operativo. E il New Glenn incorpora tutte queste lezioni," ha detto Bezos in un comunicato via e-mail. "Il razzo è stato nominato in onore di John Glenn, il primo americano ad entrare in orbita attorno alla Terra," ha aggiunto. Al decollo la spinta di 1.746 tonnellate verrà fornita da sette motori BE-4 - lo stesso motore che la Blue Origin sta sviluppando per il nuovo razzo Vulcan della United Launch Alliance (ULA) e funzionante con ossigeno liquido e gas metano. Il primo stadio sarà riutilizzabile e potrà rientrare sulla Terra dopo aver lanciato il carico utile nello spazio ed essersi separato dalle altre componenti del razzo. Il secondo stadio utilizzerà un solo BE-4 appositamente modificato per funzionare nel vuoto mentre il terzo stadio sarà dotato di un motore BE-4, alimentato da idrogeno ed ossigeno liquidi criogenici. Sia la SpaceX che la Blue Origin hanno lanciato e riportato indietro con successo i loro primi stadi dei razzi con atterraggi verticali sulla Terra, una capacità chiave nello sforzo di rendere i razzi riutilizzabili come gli aeroplani.
"Prevediamo di lanciare il New Glenn per la prima volta prima della fine di questa decade dallo storico Launch Complex 36 di Cape Canaveral, in Florida," ha detto Bezos. L'entrata nel volo spaziale commerciale per il lancio di satelliti della Blue Origin aggiunge maggiore competizione con la SpaceX, guidata dall'imprenditore Elon Musk. Musk si trova in vantaggio su Bezos grazie al suo razzo Falcon 9 ed un contratto da 1,6 miliardi di dollari con la NASA per portare rifornimenti alla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) e riportare indietro esperimenti utilizzando il veicolo cargo Dragon, sempre della SpaceX.
Ma la SpaceX ha sofferto due esplosioni del vettore fin dal giugno 2015. Musk ha ammesso venerdì che l'ultimo incidente, avvenuto due settimane fa durante un test di lancio sulla rampa in Florida, ha lasciato perplessi gli investigatori ed ha chiesto l'aiuto del pubblico e delle agenzie governative. Mentre Bezos non ha commentato direttamente i guai di SpaceX, egli ha parlato della mascotte della compagnia Blue Origin, la tartaruga e detto "Noi ne pitturiamo una sui nostri veicoli dopo ogni lancio di successo. Nel lungo periodo chi affronta la sfida con coscienza e metodicità arriva alla vittoria facendo prima di chi salta i passi," (Si potrebbe tradurre con il nostro detto 'chi va piano va sano ma va lontano', ndr).
La comunicazione via e-mail di Bezos si chiude con un nuovo annuncio visionario... "La nostra visione del futuro è quella nella quale milioni di persone vivono e lavorano nello spazio ed il New Glenn è un passo molto importante, ma ovviamente non sarà l'ultimo. Il prossimo si trova già sui tavoli da disegno: New Armstrong. Ma questa è una storia del futuro."
Nell'illustrazione (Credit: Blue Origin) il nuovo veicolo di lancio New Glenn in confronto con altri razzi odierni ed il mitico Saturno 5. Nell'immagine a sinistra (Credit: Blue Origin) le due versioni del New Glenn ed il primo stadio riutilizzabile con le zampe d'atterraggio estese.



Lo sviluppo andrà al passo della tartaruga, ma l'annuncio è ispirato dalla lepre...

Poi critica tanto spaceX ma dall'annuncio al lancio dei Falcon sono passati più di otto anni.. e alla fine di questa decade ne mancano quattro se so ancora contare (e a volte ho dei dubbi pure su questo  roll laugh )

_________________________________________________

Dategli una grande sfida, una che sembra impossibile. Dategli il desiderio di vincerla. Unite le due cose, e l'essere umano è capace di tutto

Jim Lovell
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
 
New Glenn, annunciato l'ennesimo lanciatore pesante..
Torna in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Mercoledì 13 aprile...
» MUD 2013: L'ENNESIMO PASTICCIO
» Come immaginavate la magistrale? E com'è?
» Panna di soia
» Ennesimo riscontro positivo per Dalida Sibilla

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Forum Orbiter Italia :: Fuori Tema :: Notizie di Volo Spaziale dal mondo reale-
Vai verso: