CLICCA QUI PER SCARICARE ORBITER 2016
 
IndiceIndice  FAQFAQ  LinkLink  CercaCerca  RegistratiRegistrati  Accedi  
Accedi
Nome utente:
Password:
Connessione automatica: 
:: Ho dimenticato la password
FOI è sui social
Parole chiave
Base Antares Rientro Fleet Flotta lander sound Basesync DGIV autofcs Missione 2016 Shuttle OrbiterSound apollo Pegasus d3d9 Nassp AMSO TransX Poderosa addon Orbiter manuale Universal jarvis
Siti amici
AstronautiNEWS

ForumAstronautico

Orbiter Forum

Tuttovola
Ultimi argomenti
» Costruiranno uno spazioporto per suborbitali a Taranto?
Da Pete Conrad Mar 15 Mag 2018 - 18:44

» D3D9 - il client grafico di Jarmonik
Da Ripley Sab 12 Mag 2018 - 23:37

» Risorse per l'ambiente di sviluppo Visual Studio 2017 (in Win10)
Da Ripley Gio 10 Mag 2018 - 16:03

» [WIP] Missione San Marco 1
Da Dany Gio 26 Apr 2018 - 0:10

» Conversione carichi DGIV- UCGO
Da Franz Sab 21 Apr 2018 - 19:55

» Domanda punti di Lagrange
Da Ripley Gio 19 Apr 2018 - 7:56

» Addon russi di igel e Thorton incompatibili con Orbiter2016?
Da Ripley Mer 18 Apr 2018 - 14:34

» X-Plane 11
Da masdeca Mer 18 Apr 2018 - 11:57

» "Starlab" space station
Da Franz Lun 16 Apr 2018 - 21:53

» Come si mette nasa tv?
Da Francy03 Sab 14 Apr 2018 - 18:16

» Vista interna Delta Glider
Da Franz Ven 13 Apr 2018 - 18:07

» Nuova versione di TransX (Enjo)
Da Ripley Lun 9 Apr 2018 - 15:48

» ModuleMessagingExt v2
Da Ripley Dom 8 Apr 2018 - 21:05

» BaseSync MFD
Da Ripley Dom 8 Apr 2018 - 20:08

» BurnTimeCalc MFD
Da Ripley Ven 6 Apr 2018 - 1:20

» Launch MFD
Da Ripley Ven 6 Apr 2018 - 0:51

» Glideslope 2 MFD
Da Ripley Gio 5 Apr 2018 - 8:53

» Rilasciato XRSound, il nuovo sistema audio
Da Ripley Lun 12 Mar 2018 - 12:42

» Sviluppo di una base italiana - Sede ASVI
Da Franz Gio 1 Mar 2018 - 10:47

» Dalla Terra alla Luna - Serie TV
Da m.a.s Dom 25 Feb 2018 - 22:21

» Problema con D3D9Client Beta 25.4
Da Pietrogramma Dom 25 Feb 2018 - 16:28

» Intervista (finta) a Samantha Cristoforetti
Da Pete Conrad Sab 24 Feb 2018 - 18:25

» Mission to Mars
Da Edward Sab 24 Feb 2018 - 15:20

» oMMU, l'alternativa per la gestione dell'equipaggio!
Da Edward Gio 22 Feb 2018 - 13:13

» Traduzione ITA manuale operativo di volo flotta XR
Da Ripley Mer 21 Feb 2018 - 16:16

Contatore Visite

Condividi | 
 

 Il rover lunare Yutu si spegne per sempre

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Fausto
Admin
Admin
avatar

Numero di messaggi : 7088
Età : 35
Località : Arcore (Milano)
Data d'iscrizione : 27.06.09

MessaggioTitolo: Il rover lunare Yutu si spegne per sempre   Mar 9 Ago 2016 - 14:13

http://www.astronautinews.it/2016/08/09/yutu-si-definitivamente-spento/

Fonti ufficiali cinesi hanno annunciato che lo scorso 3 agosto il rover, operativo sulla Luna dal dicembre 2013, ha definitivamente cessato la sua operatività. Si è così conclusa la prima missione cinese sulla superficie lunare che, nonostante i problemi di mobilità, è durata 31 mesi contro i 3 inizialmente previsti.

La sonda Chang’e 3, con a bordo il rover Yutu (coniglio di giada), era stata lanciata dal vettore Chang Zheng 3B (Lunga Marcia 3B) il primo dicembre 2013 ed era allunata dolcemente nella regione del Mare Imbrium il successivo 14 dicembre.
Poche ore dopo Yutu, dotato di sei ruote, pesante 140 kg ed alto 150 cm, era già sceso dalla piattaforma su cui era stivato, iniziando così la propria missione esplorativa.

Yutu ripreso dal lander
Yutu ripreso dal lander
Nei giorni successivi gli strumenti scientifici, radar a penetrazione del suolo, spettrometri e varie videocamere vennero attivati ma sia Yutu che il lander registravano condizioni ambientali più estreme di quanto fossero in grado di sopportare. Le parti illuminate dal sole superavano i 100°c di temperatura, mentre quelle in ombra rimanevano molto al di sotto dello zero.

Entro il 25 dicembre Yutu aveva percorso circa 100 metri intorno al lander per fotografarlo da diverse angolazioni ed aveva eseguito con successo una serie di test per prepararsi all’ibernazione in vista della prima notte lunare, 14 giorni in cui le temperature raggiungono i -180°c.
Per affrontare ogni mese queste condizioni i pannelli solari, l’antenna e la telecamera stereoscopica erano progettati per ripiegarsi su se stessi creando un guscio protettivo riscaldato da piccoli generatori al plutonio, proteggendo così le delicate parti elettroniche interne.

Proprio al risveglio della prima notte lunare, nonostante le operazioni di analisi del suolo fossero regolarmente iniziate, furono rilevati alcuni problemi, tra cui l’impossibilità di richiudere correttamente uno dei pannelli solari e la capacità di muoversi.
Dal gennaio 2014 quindi il rover è rimasto immobile nella sua posizione, ma nonostante i problemi ha continuato regolarmente fino a pochi giorni fa, la sua missione di analisi dei campioni, superando tutte le notti lunari e continuando a trasmettere informazioni per un totale di 7 terabytes di dati raccolti.
Il lander Chang’e 3, progettato per 12 mesi di vita operativa, sta invece continuando a trasmettere i dati degli strumenti scientifici e telecamere di bordo.

Il lander ripreso da Yutu
Il lander ripreso da Yutu
La Cina ha parzialmente reso pubblici i dati raccolti dalla missione, solo quelli già processati, a differenza di quelli originali grezzi che sono ancora sotto analisi da parte dei propri scienziati.
Un risultato significativo della missione è stata la scoperta di un nuovo tipo di roccia basaltica differente da quelle riportate a Terra dalle missioni Apollo e dalle sonde Luna sovietiche.
Secondo Lin Yangting, ricercatore dell’Accademia delle Scienze cinese, questa scoperta indica che ancora dopo 2 miliardi di anni dalla sua formazione, sulla superficie lunare era presente una grossa quantità di magma. Indicando quindi che l’attività vulcanica è durata molto più a lungo di quanto fin’ora si pensava.

Chang’e 3 è la terza sonda di una serie dedicata all’esplorazione lunare da parte della Cina.
Nel 2007 e nel 2010 le sonde Chang’e 1 e 2 entrarono in orbita lunare, Chang’e 3 è stata la prima ad allunare e verrà seguita nel 2017 da Chang’e 5, che avrà una capsula di ritorno a Terra con materiale prelevato dalla superficie e nel 2018 sarà il turno di Chang’e 4 destinata ad allunare sul lato non visibile dalla Terra.

_________________________________________________

Dategli una grande sfida, una che sembra impossibile. Dategli il desiderio di vincerla. Unite le due cose, e l'essere umano è capace di tutto

Jim Lovell
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
 
Il rover lunare Yutu si spegne per sempre
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Forum Orbiter Italia :: Fuori Tema :: Notizie di Volo Spaziale dal mondo reale-
Andare verso: