CLICCA QUI PER SCARICARE ORBITER 2016
 
IndiceIndice  FAQFAQ  LinkLink  CercaCerca  RegistratiRegistrati  Accedi  
Accedi
Nome utente:
Password:
Connessione automatica: 
:: Ho dimenticato la password
FOI è sui social
Parole chiave
jarvis Orbiter manuale Flotta Poderosa TransX apollo d3d9 Base Basesync Pegasus AMSO 2016 addon Rientro lander Shuttle Universal DGIV Antares OrbiterSound Fleet autofcs Missione sound Nassp
Siti amici
AstronautiNEWS

ForumAstronautico

Orbiter Forum

Tuttovola
Ultimi argomenti
» Costruiranno uno spazioporto per suborbitali a Taranto?
Da Pete Conrad Mar 15 Mag 2018 - 18:44

» D3D9 - il client grafico di Jarmonik
Da Ripley Sab 12 Mag 2018 - 23:37

» Risorse per l'ambiente di sviluppo Visual Studio 2017 (in Win10)
Da Ripley Gio 10 Mag 2018 - 16:03

» [WIP] Missione San Marco 1
Da Dany Gio 26 Apr 2018 - 0:10

» Conversione carichi DGIV- UCGO
Da Franz Sab 21 Apr 2018 - 19:55

» Domanda punti di Lagrange
Da Ripley Gio 19 Apr 2018 - 7:56

» Addon russi di igel e Thorton incompatibili con Orbiter2016?
Da Ripley Mer 18 Apr 2018 - 14:34

» X-Plane 11
Da masdeca Mer 18 Apr 2018 - 11:57

» "Starlab" space station
Da Franz Lun 16 Apr 2018 - 21:53

» Come si mette nasa tv?
Da Francy03 Sab 14 Apr 2018 - 18:16

» Vista interna Delta Glider
Da Franz Ven 13 Apr 2018 - 18:07

» Nuova versione di TransX (Enjo)
Da Ripley Lun 9 Apr 2018 - 15:48

» ModuleMessagingExt v2
Da Ripley Dom 8 Apr 2018 - 21:05

» BaseSync MFD
Da Ripley Dom 8 Apr 2018 - 20:08

» BurnTimeCalc MFD
Da Ripley Ven 6 Apr 2018 - 1:20

» Launch MFD
Da Ripley Ven 6 Apr 2018 - 0:51

» Glideslope 2 MFD
Da Ripley Gio 5 Apr 2018 - 8:53

» Rilasciato XRSound, il nuovo sistema audio
Da Ripley Lun 12 Mar 2018 - 12:42

» Sviluppo di una base italiana - Sede ASVI
Da Franz Gio 1 Mar 2018 - 10:47

» Dalla Terra alla Luna - Serie TV
Da m.a.s Dom 25 Feb 2018 - 22:21

» Problema con D3D9Client Beta 25.4
Da Pietrogramma Dom 25 Feb 2018 - 16:28

» Intervista (finta) a Samantha Cristoforetti
Da Pete Conrad Sab 24 Feb 2018 - 18:25

» Mission to Mars
Da Edward Sab 24 Feb 2018 - 15:20

» oMMU, l'alternativa per la gestione dell'equipaggio!
Da Edward Gio 22 Feb 2018 - 13:13

» Traduzione ITA manuale operativo di volo flotta XR
Da Ripley Mer 21 Feb 2018 - 16:16

Contatore Visite

Condividi | 
 

 Space X riaccende il primo stadio

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Fausto
Admin
Admin
avatar

Numero di messaggi : 7088
Età : 35
Località : Arcore (Milano)
Data d'iscrizione : 27.06.09

MessaggioTitolo: Space X riaccende il primo stadio   Sab 6 Ago 2016 - 11:29

http://www.astronautinews.it/2016/08/02/spacex-riaccende-primo-stadio/

Fonte astronautinews.it


Giovedì 28 luglio presso il proprio sito di test a McGregor in Texas, la SpaceX ha effettuato un’accensione del primo stadio del proprio vettore Falcon 9 recuperato durante il lancio dello scorso 6 maggio.

Atterraggio in verticale del primo stadio di Falcon 9. Credit: SpaceX
Atterraggio in verticale del primo stadio di Falcon 9. Credit: SpaceX
La società californiana ha come obiettivo l’autunno per un lancio vero e proprio con hardware già “volato” e quello della scorsa settimana è stato un passo importante in questa sua strategia di riutilizzo dei razzi poiché si è trattato di test completo con tutti e 9 i Merlin 1D accesi a piena potenza (si è arrivati fino a circa 450.000 kg di spinta) e per circa 2 minuti e mezzo, il tempo di volo in una tipica missione. Mentre gli ancoraggi trattenevano a terra il potente booster, i condotti in cemento a prova di fuoco si occupavano di far defluire in maniera controllata le fiamme prodotte dalla combustione del kerosene che alimenta i suoi motori.

Il primo stadio di un razzo Falcon 9 è alto circa 47 metri e questo in particolare era stato utilizzato il 6 maggio scorso per portare in orbita il satellite giapponese per telecomunicazioni JCSAT-14 partendo da Cape Canaveral. Non è stata una scelta casuale ma ben ponderata. Il profilo di missione (il satellite doveva essere posto dal secondo stadio in un orbita di trasferimento geostazionaria) imponeva al primo stadio di fornire un quantitativo di spinta e quindi di velocità maggiore rispetto ad altri profili di missione. Questo ha imposto fra le altre cose che non fosse possibile un ritorno al sito di lancio ma un atterraggio sull’apposita chiatta galleggiante situata a circa 650 km al largo delle coste della Florida, in pieno Oceano Atlantico. Come da profilo di missione, meno di 3 minuti dopo il decollo è avvenuto lo spegnimento dei motori, il distacco dallo stadio superiore e l’inizio della seconda parte della missione: mentre si trovava ancora nell’alta atmosfera e a velocità ipersonica, ha dispiegato le alette di controllo aerodinamico a griglia e acceso alcuni dei suoi 9 motori Merlin per annullare la velocità orizzontale e controllare la discesa verso la superficie; dopo aver esteso le 4 gambe di atterraggio e mantenuto la posizione verticale effettuando un atterraggio assistito dai motori, il razzo è ritornato a Port Canaveral alcuni giorni dopo per il trasporto verso l’hangar di SpaceX presso il pad di lancio 39A del Kennedy Space Center. I tecnici hanno ispezionato l’annerito razzo per verificare eventuali danni e quindi lo hanno spedito al sito di test di SpaceX a McGregor, in Texas.

E’ a questo punto che l’azienda ha scelto di utilizzarlo in una serie di test per assicurarsi che possa sopportare gli stress di un secondo lancio poiché ha dovuto sopportare temperature e carichi strutturali estremi durante il rientro, molto più che in una normale missione e circa 3 volte di più rispetto a quello recuperato dal lancio del 8 aprile (una missione di rifornimento alla ISS mediante la capsula Dragon) che è attualmente quello designato a effettuare per la prima volta un secondo volo. La logica dell’azienda Californiana è semplice: se il razzo esposto alle condizioni di rientro più critiche supera i test a terra, quello meno sollecitato dovrebbe riuscire a sopportare un secondo volo senza grossi problemi.

Il "touchdown" di Falcon su OCISLY. Credits: SpaceX
Il “touchdown” di Falcon su OCISLY. Credits: SpaceX
Questo non sarà l’unico primo stadio a non vedere le luci di un secondo volo. Degli attuali 5 razzi recuperati presenti nell’inventario di SpaceX nemmeno il primo del dicembre 2015 verrà utilizzato poiché, in qualità di primo “storico” primo stadio recuperato, darà bella mostra di se stesso davanti alla sede principale di SpaceX a Hawthorne in California. Un altro primo stadio atterrato, ma in mare, il 27 maggio dopo il lancio di un satellite per telecomunicazioni thailandese, ha subito dei danni a una gamba di atterraggio e l’azienda non ha ancora fatto sapere se tornerà a volare di nuovo. Il più recente, recuperato dal lancio del 18 luglio scorso, ha visto un nuovo atterraggio su terra, il secondo, e fonti ufficiali della compagnia hanno dichiarato che le prime ispezioni hanno mostrato che il razzo si trova in buone condizioni per una nuova missione.

La riusabilità è un principio chiave della missione aziendale di SpaceX. Elon Musk, il fondatore e capo esecutivo, ha detto che il costo di lancio si ridurrà significativamente se l’industria di trasporto spaziale riuscirà a padroneggiare la tecnologia del riutilizzo dei razzi. In alcune interviste all’inizio di quest’anno, Gwynne Shotwell, presidente e capo dell’ufficio operativo, ha dichiarato che per il primo volo di un razzo usato, SpaceX spera di ridurre il costo di lancio del Falcon 9 di circa un terzo rispetto al suo prezzo di listino di 61 milioni di dollari. Questa riduzione deriva dal fatto che il razzo sarà comunque lanciato con un secondo stadio e una copertura nuovi. L’azienda non ha piani per il recupero del secondo stadio ma gli ingegneri stanno lavorando sulla possibilità di recuperare e riutilizzare le due metà del fairing di copertura del carico che di solito si separano tra i 3 e i 4 minuti dopo il decollo.

Attualmente SpaceX non ha annunciato il carico per il primo volo di un Falcon 9 usato, ma il vice-presidente all’affidabilità dei voli, Hans Koenigsmann, ha dichiarato all’inizio dello scorso mese ai giornalisti che la compagnia sta negoziando con dei potenziali clienti per lanciare il loro carico su un razzo usato.

_________________________________________________

Dategli una grande sfida, una che sembra impossibile. Dategli il desiderio di vincerla. Unite le due cose, e l'essere umano è capace di tutto

Jim Lovell
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
 
Space X riaccende il primo stadio
Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Forum Orbiter Italia :: Fuori Tema :: Notizie di Volo Spaziale dal mondo reale-
Andare verso: