CLICCA QUI PER SCARICARE ORBITER 2016
 
IndiceIndice  FAQFAQ  LinkLink  CercaCerca  RegistratiRegistrati  Accedi  
Accedi
Nome utente:
Password:
Connessione automatica: 
:: Ho dimenticato la password
FOI è sui social
Parole chiave
manuale Pegasus Rientro Missione Orbiter Base Universal 2016 sound Fleet autofcs jarvis lander OrbiterSound Flotta TransX addon d3d9 Antares Nassp Basesync Shuttle DGIV apollo Poderosa AMSO
Siti amici
AstronautiNEWS

ForumAstronautico

Orbiter Forum

Tuttovola
Ultimi argomenti
» D3D9 - il client grafico di Jarmonik
Da Ripley Mer 20 Giu 2018 - 20:13

» Costruiranno uno spazioporto per suborbitali a Taranto?
Da Pete Conrad Mar 15 Mag 2018 - 18:44

» Risorse per l'ambiente di sviluppo Visual Studio 2017 (in Win10)
Da Ripley Gio 10 Mag 2018 - 16:03

» [WIP] Missione San Marco 1
Da Dany Gio 26 Apr 2018 - 0:10

» Conversione carichi DGIV- UCGO
Da Franz Sab 21 Apr 2018 - 19:55

» Domanda punti di Lagrange
Da Ripley Gio 19 Apr 2018 - 7:56

» Addon russi di igel e Thorton incompatibili con Orbiter2016?
Da Ripley Mer 18 Apr 2018 - 14:34

» X-Plane 11
Da masdeca Mer 18 Apr 2018 - 11:57

» "Starlab" space station
Da Franz Lun 16 Apr 2018 - 21:53

» Come si mette nasa tv?
Da Francy03 Sab 14 Apr 2018 - 18:16

» Vista interna Delta Glider
Da Franz Ven 13 Apr 2018 - 18:07

» Nuova versione di TransX (Enjo)
Da Ripley Lun 9 Apr 2018 - 15:48

» ModuleMessagingExt v2
Da Ripley Dom 8 Apr 2018 - 21:05

» BaseSync MFD
Da Ripley Dom 8 Apr 2018 - 20:08

» BurnTimeCalc MFD
Da Ripley Ven 6 Apr 2018 - 1:20

» Launch MFD
Da Ripley Ven 6 Apr 2018 - 0:51

» Glideslope 2 MFD
Da Ripley Gio 5 Apr 2018 - 8:53

» Rilasciato XRSound, il nuovo sistema audio
Da Ripley Lun 12 Mar 2018 - 12:42

» Sviluppo di una base italiana - Sede ASVI
Da Franz Gio 1 Mar 2018 - 10:47

» Dalla Terra alla Luna - Serie TV
Da m.a.s Dom 25 Feb 2018 - 22:21

» Problema con D3D9Client Beta 25.4
Da Pietrogramma Dom 25 Feb 2018 - 16:28

» Intervista (finta) a Samantha Cristoforetti
Da Pete Conrad Sab 24 Feb 2018 - 18:25

» Mission to Mars
Da Edward Sab 24 Feb 2018 - 15:20

» oMMU, l'alternativa per la gestione dell'equipaggio!
Da Edward Gio 22 Feb 2018 - 13:13

» Traduzione ITA manuale operativo di volo flotta XR
Da Ripley Mer 21 Feb 2018 - 16:16

Argomenti simili
Contatore Visite

Condividi | 
 

 Fusione laser selettiva, un metodo rivoluzionario per costruire parti meccaniche di SLS

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Fausto
Admin
Admin
avatar

Numero di messaggi : 7088
Età : 35
Località : Arcore (Milano)
Data d'iscrizione : 27.06.09

MessaggioTitolo: Fusione laser selettiva, un metodo rivoluzionario per costruire parti meccaniche di SLS   Gio 8 Nov 2012 - 21:05

Da Astronautica.us (articolo ripreso anche da FOI Facebook):

Il Marshall Space Flight Center della NASA di Huntsville, in Alabama, sta utilizzando un metodo chiamato 'fusione laser selettiva' o SLM per creare complesse parti metalliche del prossimo razzo vettore pesante dell'America. Utilizzando questa tecnica all'avanguardia la NASA spera di poter risparmiare milioni di dollari nella costruzione del nuovo vettore pesante SLS (Space Launch System). La tecnica SLM è simile alle stampanti 3D ed è il futuro delle produzione. "Questa macchina prende la polvere metallica ed utilizza un laser ad alta energia per fonderla in un disegno complesso," dice Ken Cooper, capo del team responsabile delle costruzioni avanzate al Marshall Center. "Il laser fonde la polvere uno strato alla volta facendo crescere dal basso il pezzo di cui abbiamo bisogno, creando disegni complicati. Il processo produce parti con geometrie complesse e con precise proprietà meccaniche partendo da un disegno dimensionale al computer (CAD)." Sono due i maggiori benefici di questo processo, molto importanti per il Programma dello Space Launch System, costi e sicurezza. "Questo processo riduce significativamente il tempo richiesto per la costruzione di parti da mesi a settimane o, in alcuni casi, anche giorni," ha detto Andy Hardin, capo dell'integrazione hardware per l'Ufficio Motori di SLS. "E' un significativo miglioramento dell'affidabilità, risparmiando sia tempo che denaro. Inoltre, dato che non vi sono parti saldate assieme, le parti realizzate con questa tecnica sono strutturalmente più robuste ed affidabili e questo ci da un veicolo complessivamente più sicuro." Le tecnologie emergenti che costruiranno i pezzi del prossimo razzo portabandiera dell'America saranno più affidabili ed efficienti ed incrementeranno la sicurezza degli astronauti e della forza lavoro. Alcune parti dei motori che sono state 'stampate' saranno testate strutturalmente ed utilizzate durante una prova del motore J-2X entro l'anno. Il motore J-2X sarà utilizzato per lo stadio superiore di SLS. L'obiettivo è quello di utilizzare la fusione laser selettiva per costruire le parti del primo SLS che volerà nel 2017. La NASA si è procurata il macchinario M2 Cusing, costruito dalla Concept Laser - una divisione della Hoffman Innovation Group di Lichtenfels, in Germania, per eseguire la realizzazione dei pezzi con la tecnica laser selettiva. Qui sotto un video che illustra l'articolo.



link all'articolo originale:

http://www.astronautica.us/astronauticaus_news_2012_4.html

_________________________________________________

Dategli una grande sfida, una che sembra impossibile. Dategli il desiderio di vincerla. Unite le due cose, e l'essere umano è capace di tutto

Jim Lovell
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
 
Fusione laser selettiva, un metodo rivoluzionario per costruire parti meccaniche di SLS
Torna in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» fusione società nel 2009
» Codice CER lenti macchinario taglio laser
» SOS come insegnare a leggere e scrivere ad alunna Down? Il metodo Panlexia e il metodo FOL
» LA DIDATTICA della MONTESSORI (materiali fai da te)
» Metodo sintotermico - Pearly, Ladycomp, Babycomp

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Forum Orbiter Italia :: Fuori Tema :: Notizie di Volo Spaziale dal mondo reale-
Andare verso: