RILASCIATO ORBITER 2016!!! CLICCA QUI PER SCARICARLO
 
IndiceIndice  FAQFAQ  LinkLink  CercaCerca  RegistrarsiRegistrarsi  Accedi  
Accedi
Nome utente:
Parola d'ordine:
Connessione automatica: 
:: Recuperare la parola d'ordine
FOI sui social networks
Argomenti simili
Siti Amici
Astronautica Ultima Speranza

AstronautiNEWS

Orbiter Forum

Tuttovola.org

Contatore Visite
Ultimi argomenti
» "Starlab" space station
Da Andrew Oggi a 7:54

» Concetto "Red Antares"
Da Andrew Ieri a 23:45

» L'uomo su Mercurio
Da Andrew Ieri a 7:05

» Ancora un fallimento per il Progress
Da Pete Conrad Dom 4 Dic 2016 - 14:19

» Stephen Hawking ricoverato per problemi respiratori
Da Fausto Sab 3 Dic 2016 - 20:42

» Avete bisogno di un un razzo vettore?
Da Matt44 Sab 3 Dic 2016 - 17:57

» Sospensioni motore DGIV da tastiera
Da Ripley Mer 30 Nov 2016 - 12:39

» Saluti!
Da Fausto Mer 30 Nov 2016 - 9:13

» Ma che Luna o Marte.. colonizziamo Titano!
Da Andrew Dom 27 Nov 2016 - 12:27

» Sviluppo di una base italiana - Sede ASVI
Da Dany Dom 27 Nov 2016 - 0:43

» Serie TV -The Expanse
Da m.a.s Sab 26 Nov 2016 - 12:27

» Paolo Nespoli di nuovo sulla ISS con la missione VITA
Da Dany Sab 26 Nov 2016 - 9:09

» Dalla Terra alla Luna - Serie TV
Da Dany Sab 26 Nov 2016 - 7:32

» Configurazione in stile TKS / Gemini MOL
Da Andrew Ven 25 Nov 2016 - 19:02

» Nuova versione BETA di Orbiter
Da Ripley Ven 25 Nov 2016 - 16:00

» MARS - National Geographic Channel
Da Fausto Gio 24 Nov 2016 - 23:24

» Ciao a tutti
Da Fausto Mer 23 Nov 2016 - 14:17

» Antelope Valley high-res scenery pack
Da Fausto Mer 23 Nov 2016 - 14:16

» Partita la missione abitata cinese Shenzhou 11
Da Pete Conrad Ven 18 Nov 2016 - 22:10

» "Skunk Works"
Da Andrew Gio 17 Nov 2016 - 0:46


Condividere | 
 

 Un motore spaziale a fusione nucleare? Laser, Boro ed i progetti NASA

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
lucamxbz
Turista Spaziale
Turista Spaziale


Numero di messaggi : 26
Età : 33
Località : Bolzano [ ] - Trieste [X]
Data d'iscrizione : 01.08.11

MessaggioOggetto: Un motore spaziale a fusione nucleare? Laser, Boro ed i progetti NASA    Mar 9 Ago 2011 - 13:51

interessante articolo sulla futura propulsione spaziale! Thumb Up


http://newsspazio.blogspot.com/2011/06/un-motore-spaziale-fusione-nucleare.html



John J. Chapman è un fisico ed ingegnere elettronico del NASA Langley Research Center (Virginia). In questi giorni ha presentato a Chicago, allo IEEE Symposium on Fusion Engineering, uno studio per la realizzazione di un nuovo motore spaziale alimentato a fusione nucleare.


E' un po' il sogno di tutta la comunità spaziale – e non solo – quello di superare i limiti dell'attuale propulsione chimica in termini di quantità di propellente necessario e di tempi/distanze raggiungibili. Ma la fusione nucleare non è ancora lontana?


Vediamo i dettagli di questo nuovo progetto.




Nel suo studio Chapman ipotizza di utilizzare il Boro come propellente, al posto dei più comunemente utilizzati deuterio e trizio. Rispetto a questi il Boro ha la caratteristica di essere un propellente aneutronico, con molti vantaggi rispetto alla fusione nucleare "convenzionale".


La fusione anetutronica genera molti meno neutroni durante la reazione (meno dell'1% rispetto alle particelle cariche di energia che sono il risultato della reazione). Per questa caratteristica essa è molto meglio gestibile. Le parole di Chapman: "I neutroni sono problematici, perché per prima cosa sono difficili da contenere. [Per aver a che fare con neutroni] hai bisogno di un muro di assorbimento che converta l'energia cinetica delle particelle in energia termica. In effetti tutto quello che hai è un'idea di motore termico con tutte le sue perdite e limitazioni".


Nello studio di Chapman invece il reattore a fusione aneutronico fa uso di un laser per avviare la reazione e di Boro-11.


Non è però una novità. Già qualche anno fa infatti alcuni scienziati Russi erano riusciti a produrre una reazione di fusione mediante laser e Boro. In laboratorio avevano creato una sfera di plasma ad una temperatura di un miliardo di gradi centigradi. La reazione di fusione risultante era molto pulita, virtualmente senza l'emissione di neutroni. Il problema era però che l'energia consumata dal laser era superiore a quella ottenuta dalla reazione stessa.


Il nuovo lavoro di Chapman è uno studio teorico, tuttavia egli sostiene che la reazione di fusione ipotizzata generi molta più energia di quanta ne sia necessaria al suo funzionamento, con un’efficienza molto alta.




Un propulsione spaziale a fusione nucleare aneuronica
Vediamo in grandi linee come funzionerebbe un razzo alimentato con un reattore a fusione aneutronico.


Un laser di quelli già disponibili in commercio dà il via alla reazione. Un raggio di energia nell'ordine di 2 x 10 exp 18 (10 elevato alla 18) watt per centimetro quadrato avente frequenza di impulso fino a 75 MHz e lunghezza d'onda tra 1 e 10 µm viene direzionato verso un target del diametro di 20 cm composto da 2 strati. Lo vedete nella figura in cima al post.


Il primo strato è una lamina di metallo conduttivo il cui spessore varia tra 5 e 10 µm. Essa risponde al campo elettrico di Tera-Volt per metro creato dall'impulso laser comportandosi, dice Chapman, come un "... acceleratore di protoni".


Il campo elettrico rilascia uno sciame di elettroni ad alta energia dalla lamina di metallo, lasciando dietro di sé una grandissima carica positiva. Ne risulta una massiccia forza repulsiva tra i protoni della lamina e tale forza causa di fatto l'esplosione del materiale metallico rimanente.


Questa esplosione accelera i protoni nella direzione del secondo strato, un film di Boro-11. Tali protoni portano con sé un'energia di circa 163 KeV (chilo-elettron-Volt, migliaia di elettronvolt) e colpendo i nuclei degli atomi di Boro formano nuclei eccitati di carbonio, i quali decadono immediatamente ciascuno in un nucleo di Elio-4 (una particella alpha) ed in un nucleo di Berillio. Quasi istantaneamente quest'ultimo decade, dividendosi in due particelle alpha.


Quindi per ogni coppia protone-Boro che reagisce, si ottengono tre particelle alpha, ognuna con un'energia cinetica di 2,9 MeV (mega-elettron-volt, milioni di elettronvolt).





Le forze elettromagnetiche spingono il target e le particelle alpha in direzioni opposte. Ecco quindi che quest'ultime uscendo dal veicolo spaziale attraverso l'ugello di uscita forniscono una spinta.




Efficienza
Secondo Chapman ogni impulso del laser dovrebbe generare circa 100.000 particelle alpha rendendo il tutto tremendamente efficiente. Secondo i suoi calcoli, ulteriori migliorie nei sistemi laser a impulso breve potrebbero rendere questa spinta ancora più efficiente, fino a più di 40 volte rispetto all'attuale propulsione a ioni.
Anche al 50% di efficienza, 40 grammi di Boro come propellente porterebbero ad un'energia di 1GJ (Giga-Joule, miliardi di joule).


La potenza specifica del Boro in questo processo di reazione dovrebbe essere così grande che una sola mole (11 grammi) potrebbe produrre circa 300 MW.
Se poi al posto del Boro si utilizzasse questa tecnica di fusione aneutronica con l'isotopo elio-3 la potenza producibile per singola mole potrebbe arrivare fino a 493 MW. Ma il Boro ha l’indubbio vantaggio di essere abbondante sulla Terra, mentre l'elio-3 è scarso.


Sempre secondo Chapman un altro grande vantaggio della propulsione spaziale a fusione è che parte dell'energia generata potrebbe essere convertita in elettricità per alimentare i sistemi di bordo del veicolo spaziale, anche qui con un alto rapporto di efficienza.




Quanto tempo ci vuole
Quello che abbiamo visto insieme in questo articolo è uno studio teorico. Molta strada è ancora da percorrere per arrivare ad un motore operativo.


Secondo Chapman ci potranno volere circa 10 anni prima di avere una nave spaziale alimentata con questa particolare reazione di fusione. "Ci vuole un lavoro di gruppo per arrivare ad avere qualcosa da mandare nello spazio".


Si tratta di una strada in gran parte da percorrere ma molto affascinante e promettente. Data la sua importanza la prima cosa che mi viene in mente è realizzare un mega accordo di collaborazione internazionale (un po' come quello che ha portato alla creazione della Stazione Spaziale Internazionale tanto per intenderci) per approfondire la strada della fusione nucleare aneutronica con laser e Boro. E penso anche che il suo campo di applicazione possa andare ben oltre la propulsione spaziale.


Immagini, credit NASA Langley Research Center.



Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://www.flybolzano.it
Pete Conrad
Add-on Developer
Add-on Developer


Numero di messaggi : 4553
Età : 53
Località : Trieste
Data d'iscrizione : 05.01.10

MessaggioOggetto: Re: Un motore spaziale a fusione nucleare? Laser, Boro ed i progetti NASA    Mar 9 Ago 2011 - 14:22

lucamxbz ha scritto:
...
Un laser di quelli già disponibili in commercio dà il via alla reazione. Un raggio di energia nell'ordine di 2 x 10 exp 18 (10 elevato alla 18) watt per centimetro quadrato ...
Interessante, ma non credo che si possa considerare "disponibile commercialmente" un laser della potenza di 2 miliardi di GW ...
(2x10 alla 18 corrisponde a 2 miliardi di miliardi, ovverosia a 2 miliardi di giga-unità di misura). Tra parentesi: quale sorgente elettrica avrebbe una possibilità simile?

Tanto per sorridere ...
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Fausto
Admin
Admin


Numero di messaggi : 7078
Età : 33
Località : Arcore (Milano)
Data d'iscrizione : 27.06.09

MessaggioOggetto: Re: Un motore spaziale a fusione nucleare? Laser, Boro ed i progetti NASA    Mar 9 Ago 2011 - 15:53

Ahah!

Comunque è un bel campo di ricerca, ma dire che una nave spaziale con tecnologia del genere possa essere disponibile in 10 anni mi sembra strano.. forse Chapman ha dimenticato di aggiungere uno zero..

Per adesso il motore di nuova concezione più fattibile è il VASMIR. Ne esistono già dei prototipi che potrebbero effettuare dei test sulla ISS dopo il 2014

http://en.wikipedia.org/wiki/Variable_Specific_Impulse_Magnetoplasma_Rocket

_________________________________________________

Dategli una grande sfida, una che sembra impossibile. Dategli il desiderio di vincerla. Unite le due cose, e l'essere umano è capace di tutto

Jim Lovell
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Andrew
Add-on Developer
Add-on Developer


Numero di messaggi : 5886
Età : 39
Località : Pavia/Torino
Data d'iscrizione : 03.12.09

MessaggioOggetto: Re: Un motore spaziale a fusione nucleare? Laser, Boro ed i progetti NASA    Gio 11 Ago 2011 - 20:06

Pete Conrad ha scritto:

Interessante, ma non credo che si possa considerare "disponibile commercialmente" un laser della potenza di 2 miliardi di GW ...

Siamo perfino oltre le potenze dei Phaser dell'Enterprise di Star Trek (se ben ricordo in quel caso la potenza erogata si misura in centinaia o migliaia di Terawatts; qui siamo a mille volte tanto).

roll laugh
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: Un motore spaziale a fusione nucleare? Laser, Boro ed i progetti NASA    Oggi a 9:17

Tornare in alto Andare in basso
 
Un motore spaziale a fusione nucleare? Laser, Boro ed i progetti NASA
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» fusione società nel 2009
» Contenitori vuoti olio motore
» Tenuta Fusti olio motore in magazzino.
» fusione societaria
» Shuttle Agenzia Spaziale Italiana

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Forum Orbiter Italia :: Fuori Tema :: Scienza e Astronomia-
Andare verso: